Web Designer , SEO e Web Marketing Strategist
Non ci sono altezze troppo alte, solo ali troppo corte!
O troveremo una strada o ne costruiremo una.

3914165829

info@ritapellegrini.it

SEO OnPage

seo on page che cos e 

 

La SEO on page è l'insieme delle attività che ottimizzano le singole pagine del sito agendo sugli aspetti editoriali.
Si svolge sul testo delle pagine, curandone la leggibilità, la formattazione, i titoli, le immagini, la keyword density, i meta tag...

Viene curata fin dall'inizio dell'inserimento dei testi, va poi di pari passo con l'attività editoriale del sito e prosegue anche dopo la pubblicazione degli stessi testi.
Dopo la pubblicazione, infatti, bisogna monitorare quali pagine rendono, quali non attirano traffico, quali hanno del potenziale per potersi posizionare meglio e in che modo, va effettuato il confronto con la concorrenza in termini di posizionamento sulle parole chiave in esame, va analizzato il gap esistente e tutta una serie di fattori, a valle dei quali intervenire nuovamente sul testo per apportare le opportune ottimizzazioni.

Lo stesso testo dovrebbe essere redatto tenendo cura di intercettare il search intent (ossia l'intenzione di ricerca) degli utenti, rilevato nel corso della keyword research.
Non bisogna improvvisare la pubblicazione di articoli.
I testi, previsti dal piano editoriale, devono riflettere la vita e la vision dell'azienda stessa, riportare l'imprinting comunicativo del brand, in coerenza con le altre pagine e gli altri elementi del sito, e contemporaneamente intercettare le queries e il search intent rilevato dagli strumenti SEO.
In pratica, devono favorire l'incrocio tra l'offerta dell'azienda (i propri prodotti, i propri valori) e la richiesta del mercato (espressa in termini di queries ed intercettata tramite una keyword research avanzata).

Leggi anche: Perchè copiare i testi è una follia

La lunghezza e la qualità dei testi costituiscono un fattore di ranking di cui Google tiene conto per posizionare il sito.
I testi devono fornire valore aggiunto, approfondimento e informazioni utili e coinvolgenti che suscitino interesse all'utente.
Quindi è sbagliato optare per testi brevi, con il falso mito della semplicità e della sintesi.
Non confondere la fruibilità del contenuto con la penuria di informazioni!

Un contenuto preparato in ottica SEO ha:
un testo di qualità che intercetti la tua offerta e i tuoi valori con le keyword ed il search intent degli utenti;
formattazione e leggibilità;
immagini ridimensionate, compresse e ridenominate ad hoc;
titolo principale e titoli dei paragrafi opportunamente formattati e riportanti le parole chiave;
link interni con le anchor text opportune che puntino a pagine del sito preventivamente individuate dai rilevamenti di SEO on site;
link esterni che rimandino a risorse rilevanti di siti esterni sicuri;
meta tag appropriati per la presentazione della pagina nelle serp di Google.

Meta Title e Meta Description sono le ottimizzazioni on page più cruciali per la pagina e scriverli in modo appropriato fa guadagnare posizioni nella pagina dei risultati di Google e fa aumentare il CTR (Clic-through rate), ossia il rapporto tra il numero di clic sul Metatitle rappresentante la pagina sulla serp (e quindi il n° di volte che un utente entra nel sito tramite la pagina) e il n° complessivo di visualizzazioni sulle serp della pagina (ossia ilnumero divolte che Google propone la pagina nei risultati di ricerca).

 

La SEO on page è profondamente legata con le attività di keyword research e di content marketing.

I software utilizzati per monitorare l'andamento dei testi pubblicati forniscono tutta una serie di metriche e di dati relativi alle stesse pagine e al mercato.

Ma tali rilevazioni non vanno considerate come un punto di arrivo!
I software forniscono informazioni fondamentali su cui basare le strategie da intraprendere ma restano solo strumenti.
Bisogna poi calarsi nella peculiarietà del settore, nella psicologia del target e saper incrociare le ricerche con l'intuito e la creatività.
Tutto ciò tenendo conto dell'analisi di marketing iniziale, dell'esperienza online e offline, dei feedback ricevuti sugli altri canali marketing impiegati, in accordo anche con quanto richiesto dalle attività di link building e di SEO off site.
A valle di ciò, la sfida è saper leggere e raccontare quanto rilevato alla luce dell'unicità del sito in esame.

Spesso bisogna reintervenire sui testi anche per aggiungere link in accordo con l'attività di SEO on site.
I testi pubblicati vanno aggiornati nel tempo per rispondere attivamente alle variazioni di traffico e per intercettare le nuove richieste di mercato.